0

Cattive abitudini e le caratteristiche delle persone intelligenti

Parafrasando un detto, non vi è peggior sordo di chi non vuole ascoltare. È proprio questo il punto di partenza della panoramica nata da una interessante domanda: quali sono i tratti distintivi comuni delle persone intelligenti?

Non vi è alcuna risposta definitiva, ma dall’insieme dei concetti espressi sono emerse interessanti caratteristiche distintive che hanno caratterizzato alcune delle menti più brillanti del nostro tempo.

 

Alta adattabilità, curiosità e la consapevolezza della propria ignoranza

 

Per approfondire ciò che stiamo dicendo, il punto di partenza è la domanda originale posta su Quora. Per chi non lo conoscesse ancora, Quora è un sito di domande e risposte. Non solo, è una ampia rete sociale dedicata all’informazione, ma anche un progetto tale da divenire una piattaforma dedicata alla diffusione delle idee e della conoscenza. Per saperne di più, puoi leggere la voce di Wikipedia dedicata a Quora.

 

Tra i tratti fondamentali che emergono da tutte le più importanti risposte, troviamo l’alta capacità di adattamento, l’elevata curiosità e la consapevolezza della propria ignoranza. Insomma, sapere di non sapere, voglia continua di imparare cose nuove e di comprendere il perché delle cose, e la necessaria prontezza di riflessi per essere resilienti a ogni situazione.

 

Le persone intelligenti sono quelle più estrose

Le persone intelligenti sono quelle più estrose

 

Non ho particolari talenti, sono solo appassionatamente curioso.

Albert Einstein

 

L’apertura alle novità, alle esperienze, è una dote innata di curiosità intellettuale che caratterizza tutte le menti più intelligenti. Requisito fondamentale è l’essere mobili di pensiero, non mostrarsi persone ancorate alle proprie idee e credenze come a simulacri inamovibili. Traslare questi concetti significa possedere la capacità di cogliere nuove opportunità a qualsiasi livello della propria esistenza, significa riuscire a essere in grado di ascoltare e di soppesare le opinioni altrui senza preconcetti, significa essere in grado di proporre soluzioni alternative. In soldoni, essere persone dalla mente aperta e disponibile.

 

Essere smart significa essere intelligenti, essere persone dalla mente aperta. Dalla definizione, “sveglio, intelligente, abile; furbo; brillante, spiritoso: a — pupil, un allievo sveglio; a — talker, un oratore brillante”.

 

Essere persone intelligenti non significa non avere cattive abitudini

 

Essere flessibili e curiosi non sono gli unici tratti comuni tra le persone più intelligenti. Se si desiderano conoscere le caratteristiche più ricorrenti oltre a quelle sopra citate, si può leggere l’articolo relativo originale 11 common traits of highly intelligent people proposto da Business Insider oppure la versione italiana 11 caratteristiche delle persone intelligenti proposta da Millionaire.

 

Non è detto che una persona intelligente non abbia delle cattive abitudini che ne riducono le capacità e le possibilità. La realizzazione di sogni o obiettivi viene inficiata spesso e volentieri dalle abitudini e dai modelli a cui si è stati sottoposti. Persone con le stesse conoscenze e con lo stesso grado di intelligenza, possono arrivare a ottenere risultati molto diversi, ciò è dovuto alle abitudini e ai modelli comportamentali dell’una e dell’altra persona.

 

Essere intelligenti e rimuovere le cattive abitudini

Essere intelligenti e rimuovere le cattive abitudini

 

Le abitudini dominano le azioni delle persone anche a livello inconscio, diventa perciò fondamentale riuscire a eliminare le abitudini nocive e a sostituirle con dei comportamenti virtuosi e positivi. Per prima cosa è necessario comprendere quali siano le abitudini errate, un serio esame di coscienza (se siete persone intelligenti, non mentirete a voi stessi!) può immediatamente aiutare a identificare i comportamenti e le abitudine che vanno presi in considerazione.

 

Il secondo passo è quello di eliminare queste cattive abitudini, con calma e pazienza non risulta difficile a una persona intelligente. L’ultimo miglio verso la realizzazione dei propri obiettivi è quello che consiste nel riempire gli spazi vuoti lasciati dalla rimozione delle cattive abitudini con comportamenti positivi e virtuosi. Questa è la parte più semplice, basterà ripensare alle cose che non si è riusciti a fare in passato e concentrarsi nella loro realizzazione: un corso di chitarra, imparare una nuova lingua, concedersi quel corso di Aikidō che si sarebbe tanto voluto fare.