0

Contenuti e strategie per contenuti

Contenuti di qualità

Il web e la Rete sono mondi popolati, regolamentati di leggi proprie e tendenzialmente basati sul duopolio creatore et fruitore. Da un lato ci sono le persone che, per diletto o per lavoro, creano il web; dall’altro vi sono quelli che usano il web e i suoi contenuti. Da quando è nato questo mondo elettronico, si sono perennemente fatte delle discussioni circa usabilità, architettura e gestione dell’informazione su Internet.

Anche un bambino è in grado di aprire un sito o un blog

Fino a qualche tempo fa, ci si poneva il problema di come implementare, gestire e presentare le informazioni per renderle agevolmente reperibili e consultabili. Con l’avvento di cms evoluti, ma for dummies, come WordPress o come tutte le altre piattaforme di blogging attualmente in commercio, tutte quelle discussioni sono quasi diventate superflue. Attulamente, anche un bambino è in grado di aprire un sito o un blog e di sitemarlo adeguatamente in modo da renderlo responsivo e propedeutico.

Contenuti online e facilmente reperibili

Usabilità, gestione dell’informazione e presentazione dei contenuti non sono più problemi da affrontare, un qualunque cms evoluto ha di per sé già risolto dette problematiche. Chiunque, oggi, ha le condizioni per mettere online contenuti in maniera semplice, per renderli facilmente reperibili dagli utenti e agevolmente visionabili su qualsiasi tipo di dispositivo. Risulta, allo stato attuale delle tecnologie, più difficile creare siti e blog inusabili, complicati e in grado di nascondere le informazioni e i contenuti.

Scrivere racconti, cioè raccontare delle storie, è una cosa importante per me; ho scoperto che raccontare delle storie, anche in parte o del tutto immaginarie, serve ad approfondire la conoscenza delle cose reali. Se si vuole raccontare bene una storia, bisogna conoscere bene il funzionamento delle cose, delle relazioni tra le persone, degli avvenimenti ordinari e straordinari della vita. Bisogna pensare moltissimo, aguzzare gli occhi, farsi domande, informarsi, leggere i giornali, osservare i comportamenti. Tutto questo è molto utile. Se una cosa ti sembra utile, è inevitabile decidere di dedicarci un po’ di tempo. Se una cosa è divertente e utile è chiaro che ti ci appassioni. Così io mi sono appassionato a raccontare storie.

Alcune tecniche, anche poco convenzionali, per focalizzare e superare i problemi di chi si accinge a narrare delle storie. Inventare e raccontare storie, scovare le idee, scoprire le trame, per creare e raccontare storie come Giulio Mozzi, poliedrico cantastorie, consulente editoriale, autore di numerosi testi e blog, che possiede anche la capacità di avere un’ottima presenza in video e l’abilità di essere chiaramente un valido divulgatore. Un autore che riesce a spiegare benissimo come inventare e raccontare storie, che esplica le idee che stanno alla base del processo narrativo e le metodologie di costruzione delle storie. Uno splendido cicerone sulla arte della narrazione creativa. A questo link potete reperire i testi sulla scrittura a cura dell’autore, perché imparare l’arte dello scrivere bene i contenuti da chi è più esperto è una attività fondamentale per migliorare le proprie capacità di scrittura.

La discussione si è totalmente spostata sulla qualità dei contenuti

Ecco i motivi per cui la discussione si è totalmente spostata sulla qualità dei contenuti. La cosa fondamentale, e lentamente sembrano averlo capito un po’ tutti, è il contenuto in sé. Esistono nuove sfide come la SEO, come la visibilità, ma si tratta di conseguenze del livello dei contenuti. Gli algoritmi dei motori di ricerca, ormai, hanno un livello talmente avanzato che vanno ingannati soltanto se dobbiamo cercare di posizionare bene contenuti di bassa qualità oppure scadenti. Un esempio esplicativo lo si può trovare qui: un sito costruito in barba alla SEO sotto ogni punto di vista, privo di qualsiasi ottimizzazione atta a scalare l’indicizzazione dei motori di ricerca, eppure perennemente al top nei motori di ricerca e tra i duecento siti più visitati al mondo. Se i contenuti sono di qualità e professionali, l’ottimizzazione SEO risulterà non necessaria o ridondante.

L’unica metodologia è produrre contenuti di alta qualità

Finalmente ci siamo arrivati, l’unico punto focale sono i contenuti. Tutto il resto verra in maniera automatica, l’unica cosa importante è produrre contenuti professionali, veri, corretti. In poche parole, l’unica metodologia è produrre contenuti di alta qualità. Serve una strategia per mantenere il livello qualitativo dei contenuti sempre alto: pianificare la creazione dei contenuti, la loro pubblicazione, la loro gestione e la loro promozione. Il prodotto chiave è la qualità dei contenuti e una strategia per la loro gestione. Analisi, sviluppo e processo critico dei contenuti per una finalizzazione degli stessi in un progetto di qualità elevata.

Il contenuto è la parte fondamentale del web allo stato attuale e la padronanza dei contenuti è la prerogativa che a un professionista del web non deve mancare.

Crediti foto: Contenuti di qualità su Pixabay
(Visited 41 times, 1 visits today)

Luca Ciavatta