0

Etica e filosofia. I piccoli miglioramenti quotidiani

Filosofia dell'etica

Green Man. Scattata al British Museum da Doug Wheller (cc)

 

In un mondo, come quello attuale, dove i rapporti umani sono filtrati dalla tecnologia, dove l’egoismo e il narcisismo assumono lo status di diktat, immaginare la possibilità di vivere in completa armonia con sé stessi e con gli altri appare sempre più una remota chimera.

La filosofia dell’etica classica

Dai pensieri degli studiosi del passato, dai filosofi classici, si possono trarre insegnamenti perennemente utili. La filosofia induce al ragionamento, propone un metodo concreto di pensiero, aiuta a comprendere le dinamiche della mente e insegna, nella maggior parte dei casi, a vivere una vita migliore. Cambiare la propria prospettiva, modificare il modo di vedere il mondo, scoprire negli altri ciò che si nasconde dietro alle apparenze. Capire come diventare buoni esseri umani, creare una società corretta e avere, magari, una vita fiorente. Una diversa visione culturale del mondo, metabolizzata attraverso un nuovo insieme di strumenti filosofici, per spingersi verso un percorso chiaro e per avere obiettivi di carriera definiti e di alto valore etico. Dove non c’è etica, non c’è successo, non esiste felicità. Lo insegnano anche ad Harvard, in uno dei corsi più seguiti e apprezzati, dove il Prof. Michael Puett, attraverso gli insegnamenti di Teoria etica e politica Cinese classica, sveglia i suoi studenti e li prepara ad affrontare la vita, e le sue sfide, attraverso un nuovo punto di vista.

Ciò che ti cambierà la vita

La finanza e il denaro non vanno eliminati dall’esistenza, ma è necessario ottenerli e gestirli attraverso l’etica. Una morale di sani principi porta a muoversi automaticamente in maniera giusta attraverso i passi della vita. Attraverso la filosofia, si arriva a ragionare e decidere in modo automatizzato di fronte ai problemi, e si sceglie sempre la strada maestra, corretta e basata sull’etica. La filosofia insegna a prestare attenzione alle piccole cose quotidiane, a dare peso all’ovvio e scontato, a ispirarsi a tutto ciò a cui non si faceva più caso. Rinvigorirsi attraverso ciò che ormai costituiva soltanto il sottofondo dell’esistenza. Meditare e riscoprire l’efficienza attraverso la calma. Allontanarsi dai percorsi fuorvianti della vita e concentrarsi su ciò che è realmente utile ed essenziale. Alimentare il proprio io di sani concetti, di etica, di rispetto. Non smettere mai di pensare, mantenere la propria mente sveglia.

Per ogni porta che apri, dispensa un sorriso

Non deve essere una corsa ai buoni sentimenti. Deve soltanto esserci la consapevolezza che partendo dall’etica e dal rispetto, si possono ottenere risultati migliori, conversazioni più stimolanti e incontri decisivi. La vita può cambiare per un battito di ciglio, figurarsi per il porsi in maniera migliore. Questa consapevolezza deve essere raggiunta attraverso l’esercizio quotidiano: nel comportarsi, nel leggere e nel meditare. Le piccole esperienze quotidiane offrono numerose opportunità per comprendere sé stessi e gli altri, per migliorarsi e per dimostrarsi agli altri migliori. Se si coltiva la propria natura attraverso piccoli ma significativi cambiamenti quotidiani, si può arrivare ad ottenere un miglioramento concreto della propria qualità della vita. Di conseguenza, si può arrivare a migliorare anche la qualità della vita altrui, innescando così una spirale positiva di eventi. Il punto di inizio è quello di iniziare a pensare in maniera diversa, più etica, e di ragionare sulle piccole cose. Per partire, la stimolazione attraverso una buona lettura filosofica può essere un ottimo innesco.

(Visited 55 times, 1 visits today)

Luca Ciavatta