0

La dieta antiacido. Come salvare stomaco e mente

Antiacido o digestivo? Sino a qualche tempo fa, l’unico metodo per risolvere i problemi di stomaco era quello di affidarsi a pillole, granulati e pastiglie. Oggi, tutto ciò non è più necessario, grazie a una più profonda conoscenza dei meccanismi che regolano il corpo umano. Per evitare l’acidità di stomaco, può essere sufficiente soltanto variare dieta.

28 giorni per rimettere a nuovo lo stomaco e per tornare in forma

La dieta antiacido è semplice come leggere un libro

La dieta antiacido è semplice come leggere un libro

Jonathan E. Aviv, medico chirurgo di fama internazionale, docente e conferenziere, nonché esperto di diete e benessere, viene, a oggi, considerato una delle maggiori autorità mondiali sulla diagnosi e il trattamento dei disturbi gastrici e del riflusso acido. Il disagio di milioni di persone, un popolo costretto a convivere con problemi di aerofagia e riflussi rumorosi: ecco dove il professore ha trovato terreno fertile per rendere utili (e remunerativi) i suoi studi e le sue ricerche.

 

Indicato per undici anni consecutivi tra i Best Doctors negli Stati Uniti d’America, direttore clinico del Voice and Swallowing Center, il più grande centro medico privato per la cura di orecchie, naso e gola a stelle e strisce, il prof. Jonathan E. Aviv insegna otorinolaringoiatria alla Icahn School of Medicine di Mount Sinai. Le credenziali di tutto rispetto non spiegano l’enorme successo avuto da La dieta antiacido. Salvarsi lo stomaco e tornare in forma in 28 giorni, ma indicano chiaramente la bontà dei presupposti su cui si basa la ricerca scientifica dietro alla scrittura di questo testo.

Difficile da individuare e diagnosticare, il reflusso acido si può sconfiggere facilmente

Una tosse fastidiosa o un inspiegabile mal di gola, un senso di affanno, gonfiori addominali: sono solo alcuni tra i sintomi del reflusso acido, di cui milioni di persone soffrono senza saperlo.

La dieta antiacido aiuta a stare bene

La dieta antiacido aiuta a stare bene

Troppo poco conosciuto, spesso difficile da individuare, di frequente non viene diagnosticato né curato in maniera appropriata e può generare problemi di salute più rilevanti a lungo termine. Sotto accusa per quanto riguarda il reflusso acido è la pepsina, un enzima che aiuta a digerire le proteine e che causa danni se presente al di fuori dello stomaco, ma sotto accusa sono anche i tempi e i modi della nostra alimentazione quotidiana. Strettamente connesso allo stress dei giorni nostri, il reflusso acido ha fatto la fortuna delle case farmaceutiche negli ultimi vent’anni, e molto probabilmente senza motivo perché, nella maggior parte dei casi, una dieta più attenta e corretta riesce tranquillamente a risolvere il problema.

 

Una dieta che migliora la vita, oltre che la linea. Un sistema per eliminare disturbi cronici, un vero e proprio stile di vita in grado di fornire benessere duraturo nel tempo.

La dieta antiacido può essere anche gustosa

La dieta antiacido può essere anche gustosa

Il programma (che si svolge per intero su 28 giorni) del professor Jonathan E. Aviv non è solo una dieta che migliora la linea ed elimina disturbi considerati cronici, ma un vero e proprio stile di vita che garantisce un benessere duraturo. Come intervenire? In due fasi: selezionando i cibi e le ricette giuste per neutralizzare immediatamente l’acido, e poi stabilizzando i livelli di pH, per un’esistenza senza troppe rinunce ma anche senza reflusso. Con le sue cinque regole fondamentali, Jonathan E. Aviv aiuta i lettori a distinguere i cibi da evitare e quelli da preferire: una dieta bilanciata su un equilibrio ideale di macronutrienti (proteine, carboidrati, grassi) e micronutrienti (vitamine, minerali, antiossidanti), proponendo passo per passo degli autentici menu salvavita.