0

La passione di Ray Bradbury

La passione di Ray Bradbury

Le mie passioni mi guidano alla macchina da scrivere ogni giorno della mia vita, e mi hanno spinto lì da quando avevo dodici anni. Quindi non mi devo mai preoccupare degli orari e delle scadenze. Qualche cosa nuova esplode sempre dentro di me, e mi detta gli orari, non sono io  a farlo. Dice: vai alla macchina da scrivere in questo preciso momento e finisci questo. … Posso lavorare ovunque. Ho scritto in camere da letto e salotti quando ero piccolo e vivevo con i miei genitori e con mio fratello in una piccola casa di Los Angeles. Ho lavorato sulla mia macchina da scrivere in salotto, con la radio e con  mia mamma, mio padre e mio fratello che parlavano all’unisono. Più tardi, quando ho voluto scrivere Fahrenheit 451, sono andato fino a UCLA e ho trovato una stanza per scrivere nel seminterrato dove, se si inserivano dieci centesimi nella macchina per scrivere, era possibile avere 30 minuti di tempo a disposizione per la digitazione.

Ray Bradbury scherza amichevolmente sulla questione della routine quotidiana in questa intervista del 2010.

La passione di Ray Bradbury

Luca Ciavatta