1

Libri classici e accessori per e-book reader

Godersi ancora di più il proprio e-book reader

Qualunque proprietario di e-book reader, di tablet o di smartphone di ultima generazione, sa benissimo che al di là del dispositivo in sé, esiste tutto un sottobosco di accessori e gadget per aumentare e migliorare la propria esperienza d’uso dell’oggetto in questione. Ecco che un normalissimo lettore di e-book Kindle (stiamo parlando del modello più economico, magari quello fuori produzione da un po’) si può trasformare, personalizzare e completare in modo da farlo rimanere al passo coi tempi o con le mode. Qui di seguito, potete trovare alcuni suggerimenti di acquisto oppure potete effettuare una vostra propria ricerca partendo da questa pagina.

Custodia sottile creata da Amazon per adattarsi perfettamente al tuo Kindle e fornire la massima protezione. La custodia si fissa e si rimuove facilmente e si ripiega per consentire una comoda lettura con una sola mano. Mette automaticamente il Kindle in standby alla chiusura e lo riattiva all’apertura, per tornare facilmente a leggere. In resistente poliuretano con interno coordinato in microfibra, per proteggere il tuo Kindle e mantenere lo schermo pulito senza ingombrare. Perfetta per portare il tuo Kindle sempre con te.

Un caricatore di marca ottimizzato per i tablet, che consente una carica più veloce del caricatore a corrente per i dispositivi di lettura Kindle a inchiostro elettronico. Carica completamente il Kindle Fire HD 8,9” in meno di 5 ore e il Kindle Paperwhite, Kindle, Kindle Touch, Kindle Fire HD 7” o Kindle Fire in meno di 4 ore.
Ottimizzato per i tablet Kindle: PowerFast è un caricatore a 9W che permette di caricare i tablet Kindle più velocemente rispetto al caricatore bianco da 5W per Kindle. Un accessorio apposito per non rimanere mai completamente senza risorse di lettura. Efficace ed economico, si presta come compagno ideale di viaggio grazie alla sua funzione di ricarica accelerata.

La luce compatta eFlex per lettori di eBook è creata appositamente per lettori avidi, come te. L’interno della clip si piega sull’angolo del dispositivo, per fissarsi in modo sicuro senza interferire con lo schermo. La clip imbottita è ideale anche per i libri. Questo modello si può utilizzare con la maggior parte dei lettori. Se ti piace leggere sia eBook che libri cartacei, puoi portare eFlex sempre con te. Trova la posizione migliore piegando il collo flessibile della luce. L’ecologico LED illumina il tuo schermo o la pagina del libro con una luce chiara e precisa, che assicura la massima uniformità e pesa solo 42 grammi. Non ti accorgerai nemmeno di averla e necessita soltanto di una semplice batteria AAA.

Il solleone non ci priverà della goduria di un buon classico

L’estate che porta i doni più deliziosi: caldo, spensieratezza e la possibilità di leggere ovunque. All’aria aperta, sui prati, nei campi, lungo la spiaggia. Camminando nella battigia, sollazzati dai raggi del sole e con in mano un buon Kindle o un classico d’annata. Commedie in atti, tra fate e spose, tra teenager e signore, elfi e folletti, delitti e misfatti, libri che trasportano i lettori in un mondo nuovo tra l’assurdo, il fantastico e l’amorevole. La commedia dell’arte che si fa estrema unzione per lo scorrere afoso del tempo estivo. E sia! E pioggia fu!

Aristoteliche menzogne alla rasa, la tabula rasa della letteratura. Non c’è scelta che tenga, ma un simposio inaspettato e interminabile di scelte. A voi cari lettori e care lettrici l’ardua sentenza. Dramma in cinque atti, misoginia, il fratello del grande ascoltatore e l’adulante esterrefatta meretrice.

Il lettore non crede più a questa sposa giovane

Il maggiordomo Modesto si aggira, esatto, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dietro il velo di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. Il padre, mite e fermo, scende in città tutti i giovedì. La figlia combatte contro l’incubo della notte. La madre vive nell’aura della sua bellezza mitologica. Tutto sembra convergere intorno all’attesa del figlio. E in quell’attesa tutti i personaggi cercano di salvarsi.

La Sposa giovane di Alessandro Baricco si fionda nell’autocelebrazione elettiva d’autore. Sia chiaro: Baricco è sempre un Baricco di annata. Forse, qui però lo è pure troppo. La prosa elaborata è talmente elaborata che sembra portare con sé il messaggio ridondante che dice: sono una prosa estremamente elaborata! Non scontato, non leggere, non abbacchiato, un Baricco è pur sempre un Baricco. Questo La sposa giovane però è sin troppo tale: elaborato e non scontato, con diversi piani narrativi e con il lettore che ne esce quasi spaesato. E sia! Baricco è pure questo! Genio, sin troppo.

Ritratti d’autore dei peggiori bibliofili d’Italia

I bibliofili, i bibliomani e persino i bibliofolli “Mascheroni li scova proprio tutti, disegnando la mappa di un pianeta misterioso e segreto” sono depositari di una saggezza iperbolica, di una sapiente follia; la loro cifra è l’ossimoro. Ma va ricordato che al proposito Giuseppe Pontiggia, bibliofilo e bibliomane, ci ha lasciato nell’ultima opera, “Prima persona”, una conclusione assai ragionevole. Si è chiesto se vi sia qualcosa di più folle della furia di accatastare libri. E ha risposto sì, c’è. E’ la follia di non averne. Dalla prefazione di Mario Baudino.

Libri, amanti e dintorni

Scegliere i libri è un’arte, collezionarli una follia. Ritratti d’autore dei peggiori bibliofili d’Italia di Luigi Mascheroni è un invito a curarsi con i libri. Curare la propria follia, quella che noi tutti abbiamo, e lasciarsi andare al piacere di essere dei ‘folli’ per i libri. Per gli amanti dei libri e per gli amanti degli amanti dei libri!

Ombrellone, tè freddo e una passione sfrenata per la lettura dei libri

I meteorologi che non ne azzeccano più una, nemmeno dotati di imponenti super computer, di matematiche futuristiche e di bacchette magiche. Calore, caldo, afa, sudore, peste, santoni. La primavera che non è più la stagione del fresco, ma è già passata alla spiaggia, al mare, al bagno caldo. Venditori da spiaggia, cocco, cocco, bello cocco. Il sole che si fa imponente e nemmeno lui riesce a spiegarselo. Per un problema al meccanismo dei post programmati, qualche articolo non è stato messo online nel giorno e nell’ora corretti. Qualcuno altro è completamente sparito dal nostro sistema e abbiamo dovuto riscriverlo ex novo, ma non avevamo più tale grazia, e non avevamo più tanta voglia. Stiamo lavorando per risolvere il problema e ci scusiamo per il disturbo arrecatovi. Alleluia! La riscrittura è avvenuta, non bella come la prima, ma comunque esaltante. E ridateci l’inverno!

Sole, sole. Mare, mare. Non voglio tornare, lasciatemi leggere

Abbiamo l’adrenalina a mille e quell’ultimo grande affare ci ha tolto le parole di bocca. Siamo contenti, siamo soddisfatti.

Alcune proposte, soltanto alcune piccole gocce nell’immenso mare della conoscenza che oggi è agevolmente a disposizione di tutti. Un’idea per iniziare la propria ricerca personale.

Arrivederci!

  • Guerra e pace di Lev Nikolaevic Tolstoj Guerra e pace, certamente il capolavoro di Tolstoj, è, come ha scritto Ettore Lo Gatto, «la più grande opera della letteratura narrativa russa e una delle più grandi della letteratura europea del secolo XIX». Il romanzo racconta la storia di due famiglie aristocratiche, i Bolkonski e i Rostòv, in una Russia sconvolta dalla guerra e dall’invasione napoleonica. Raramente è dato di leggere un’opera in cui i destini individuali dei personaggi principali – fra cui spiccano Nataša Rostòva, il principe Andréi Bolkonski e il conte Pierre Bezuchov – si intrecciano in modo così perfetto con gli avvenimenti storici e militari: una dimensione che il cinema non ha mancato di sottolineare in tanti film di successo. L’epopea del popolo russo, il rapporto fra personalità individuale e collettività, i grandi temi filosofici dell’Ottocento e l’interrogazione sul senso della Storia si fondono in questa grandiosa narrazione tolstojana. Con un saggio di Tolstoj sulla genesi del romanzo. Introduzione di Eraldo Affinati. Libro in italiano con frase e dialoghi in francese inclusi.
  • I capolavori di Irène Némirovsky Sono raccolti in questo volume i racconti e i romanzi più rappresentativi dell’opera letteraria di Irène Némirovsky, dal primo testo pubblicato su una rivista, Il malinteso, all’ultimo, Suite francese, che l’autrice non poté completare. Irène scomparve fisicamente nel campo di sterminio, ma ancora prima era stata condannata all’invisibilità dalla paura che, opprimente come le mura di un lager, si materializzava intorno a lei, donna ebrea nella Francia invasa dai nazisti. Della codardia, dell’ipocrisia, della stupidità e della grettezza ottusa si vendicò nei suoi scritti, vivisezionando con una penna acuta e affilata i vizi e le virtù dei suoi compatrioti d’elezione. Senza risparmiare nessuno: contadini dipinti in paesaggi bucolici che si rivelano rozzi, violenti ed egoisti; ricchi ebrei incatenati alla loro esistenza dorata, arida e vuota, dove contano solo i beni accumulati; madri poco materne, che Irène odia con furia e di cui smaschera la fatuità, l’aridità affettiva, il bisogno di sottomettersi per avere protezione; figlie che rinunciano alla loro vita perché ormai troppo invischiate in meccanismi di rivalità e sopraffazione. In questa foresta lussureggiante di personaggi scomodi e resi alla loro nudità, di rapporti sofferti e analizzati con precisione scientifica, ci perdiamo volentieri, risucchiati da una scrittura affascinante e magnetica, come se leggessimo un unico, lunghissimo romanzo, in cui la parola fine arriva troppo presto.
  • Yoshe Kalb di Israel Joshua Singer Ambientato nel diciannovesimo secolo nella Galizia austriaca e ispirato a una leggenda popolare polacca, questo romanzo è la storia di un ebreo dall’identità fluida, diviso tra una profonda tensione spirituale e una morbosa passione erotica e costantemente in fuga da sé stesso. Nahum, il fragile e giovane marito della figlia del Rabbi Melech, e Yoshe Kalb, il tonto, il più miserabile dei mendicanti, sono davvero la stessa persona? Com’è possibile passare dallo sfarzo della corte al ciglio di una strada? Chi è quest’uomo, questo asceta, circondato da un’aura di mistero e santità? Tra il misticismo e la carnalità, il lusso e la miseria, l’ignoranza e la conoscenza, il suo destino è quello dell’Ebreo errante.