0

Linux

Il prezzo della libertà. Anche a livello digitale

Linux è il sistema operativo, derivato da Unix, attualmente più diffuso su sistemi di fascia alta, che alle caratteristiche di potenza e stabilità unisce il vantaggio di essere open source e estremamente adattabile alle esigenze. In questa collana tanti esempi, ampiamente commentati, sull’utilizzo e il funzionamento di Linux.

Cosa è mai questo Linux?

Linux è software libero, è opensource e libertà digitali. Linux è una nuova filosofia di vita che ha preso piede nel campo dell’informatica. In molti sono fermi ai tempi dei dinosauri e ancora si battono per brevettare, secretare, nascondere, ma una nuova comunità di persone sta spingendo (e lo sta facendo fortemente) la libertà anche in campo digitale. Tecnologia, etica e business si fondono in una nuova filosofia che mette al centro di tutto la conoscenza libera e la condivisione delle informazioni. Un movimento trasversale che, per tutto il pianeta, sta cercando letteralmente di cambiare il mondo e le società dell’informatica.

Linux è la punta dell’iceberg di un mondo nuovo, non è che soltanto l’inizio di un nuovo modo di pensare e di lavorare. È una maniera nuova di vedere la vita, anche fuori dai tecnicismi e dal campo informatico.

Una storia romantica fatta di sogni e di persone

Linux è un sistema operativo libero. È avanzato e, per la maggior parte, complicato, ma negli ultimi tempi è stato talmente sviluppato dalla sua comunità da essere diventato accessibile e fruibile da chiunque, alla pari dei più blasonati Windows o Mac OS X. La cosa incredibile è che alla base di questo processo di sviluppo ci sono aziende ma anche utenti comuni. Chiunque può dare il suo contributo a Linux e lo può fare sotto tantissimi aspetti: dalle cose tecniche della programmazione, alle traduzione, al design, alla promozione e alla diffusione.

Linux è così: fatto da milioni di persone sparse in tutto il mondo.

Linux è il sistema operativo che ha rivoluzionato il mondo dell’informatica. Un’orda di appassionati che sta cambiando completamente i paradigmi dell’informatica e delle aziende, l’unico vero concorrente, libero e gratuito, dello strapotere dei Bill Gates e degli Steve Jobs. Questa rivoluzione è nata, quasi per caso, per mano di Linus Torvalds che lo inventò quando era ancora studente all’Università di Helsinki. Il resto è storia.

Rivoluzionario per caso di Linus Torvalds racconta in prima persona, dall’infanzia tra i ghiacci della Finlandia sino alle conferenze davanti ai guru della Silicon Valley, tutte le vicissitudini e gli episodi che sono dietro alla nascita della più grande rivoluzione mai avvenuta nel campo dell’informatica.

Codice libero. Richard Stallman e la crociata per il software libero racconta la storia di un genio eccentrico del software, a partire dalle sue esperienze scolastiche e universitarie, fino alle battaglie combattute contro le grandi corporation. Idealista e rivoluzionario, Stallman ha dato il via al movimento del software libero (o free software) che ha scosso le fondamenta di tutto il mercato informatico, e che sta alla base dei principi fondatori di software e sistemi operativi come Linux. Secondo Stallman, il prodotto dell’ingegno deve restare libero: il codice sorgente di qualunque programma rappresenta un bene comune e, proteggerlo con brevetti e copyright, andrebbe considerato alla stregua di un crimine contro l’umanità.

Linux in tasca di Scott Granneman Linux è il sistema operativo, derivato da Unix, attualmente più diffuso su sistemi di fascia alta, ergo si tratta di un sistema che, nonostante tutte le moderne interfacce grafiche che lo rendono piacevole e semplice da utilizzare, conserva alla sua base delle caratteristiche di potenza e stabilità notevoli. La potenza di questo sistema va di pari passo con la sua complessità, ecco dunque un testo agevole per comprendere, attraverso tanti esempi, ampiamente commentati, l’utilizzo e il funzionamento di Linux.

Luca Ciavatta