1

So cosa hai fatto. Torrent e streaming illegale

Alcuni servizi online sono diventati di uso quotidiano da parte di molte persone: torrent, p2p, amule e streaming sono vocaboli comuni. Anche la casalinga senza approfondite conoscenze tecnologiche si è ritrovata, più di una volta nella vita, a guardare la serie preferita in streaming oppure a scaricare materiale da mettere sul proprio ebook reader. Non servono più grosse conoscenze informatiche per utilizzare i sistemi di condivisione dei file ed è alla portata di chiunque accedere a grosse quantità di materiali protetti da copyright in maniera gratuita.

 

La sottile differenza tra streaming legale e streaming illegale

Già, forse non tutti ne sono a conoscenza, ma utilizzare Internet significa essere perennemente tracciati. Tutto ciò che facciamo in rete rimane ben registrato negli archivi dei nostri provider di connessione e non ci sono navigazioni anonime o cancellazioni di cronologia che tengano.

Senza saperlo (oppure per ingenuità) e nonostante tutte le precauzioni che si prendono, tutti i nostri comportamenti in rete vengono registrati per filo e per segno. Tutti e sempre.

 

Star Wars - Rogue One. Lunghe file al cinema oppure comodo sul divano

Star Wars – Rogue One. Lunghe file al cinema oppure comodo sul divano

 

Noi abbiamo cercato di mettervi in guardia attraverso alcuni articoli: della navigazione anonima e di come scaricare legalmente. Si sa, non c’è peggior sordo di chi non voglia sentire. Ecco allora che, nonostante tutte le informazioni del caso, la nostra casalinga di Voghera continua imperterrita a guardare le sue serie in streaming e lo fa attraverso servizi completamente gratuiti come Guardarefilm.me, CB01, Italia-film.me e Eurostreaming, solo per citarne alcuni.

 

Parliamoci chiaro: scagli la prima pietra chi non ha mai guardato un film o una serie TV attraverso servizi del genere!!! Ecco, benissimo.

 

Tutto semplice, tutto bello, tutto gratis. Cosa volere di più? Il problema arriva quando si incorre nel corrispettivo problema legale. Già, non è legale guardare serie TV o film protetti da copyright attraverso lo streaming gratuito. Per non parlare della visione di eventi in diretta come partite di calcio in streaming oppure eventi sportivi più in generale. Tutto ciò non è per nulla legale, lo diventa soltanto nel caso che si stia pagando un fornitore di servizi del genere come NowTV, NetFlix o AmazonVideo, soltanto per dirne alcuni.

 

Forse non lo sai, ma siamo perennemente tracciati

The Walking Dead. La serie in assoluto più vista via streaming

The Walking Dead. La serie in assoluto più vista via streaming

Come detto, tutti i nostri comportamenti online rimangono tracciati negli archivi dei provider di comunicazione. Tutte le nostre visioni di materiali protetti da copyright, tutti i nostri scaricamenti illegali e tutto ciò che abbiamo fatto a livello di pirateria rimarrà ben segnato in qualche archivio e a disposizione, nel caso, degli inquirenti come Forze dell’Ordine e esponenti giudiziari.  La pirateria (perché di pirateria si tratta) online, che adesso si manifesta soprattutto sotto forma di streaming, secondo le stime di Fapav (Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali) e Fimi (Federazione industria musicale italiana), non mostra alcun cedimento di sorta, anzi il trend per gli anni a venire sembra in aumento.

 

 

I recenti sequestri sono soltanto la punta dell’iceberg di un mondo sommerso ricco di insidie per gli utenti meno smaliziati.

“Ogni giorno in Italia ci sono 1.239.000 visioni illecite di contenuti audiovisivi.”

 

Le leggi italiane puniscono diverse tipologie di comportamenti riguardanti la fruizione di contenuti online senza autorizzazione. Emblematico il caso del Il Post che fu costretto a dover rimuovere alcuni link da un articolo.

“Il 15 gennaio 2013 c’è stata anche in Italia una sentenza che ha fatto chiudere alcuni di questi siti, dopo una denuncia presentata da Rti-Mediaset: Andrea Ghinetti, il giudice per le indagini preliminari di Milano, ha disposto il sequestro di dieci siti Internet che pubblicavano i link da cui poter vedere in streaming le partite di calcio di Serie A e di coppe internazionali. In questo caso è stata considerata illecita anche la semplice indicazione di link che rimandano alla visione degli eventi in streaming.”

 

 

La legge sul diritto d’autore, la 633 del 1941, regola le dinamiche relative a Internet grazie alle numerose modifiche effettuate negli ultimi anni. Le sanzioni vanno da 2.582 euro a 25.822 euro a seconda che chi pone in essere la condotta illecita e a seconda che lo faccia per uso privato o per uso pubblico.

 

L’utente fruitore finale, la nostra casalinga di Voghera che guarda partite, serie TV e film in streaming, rischia una sanzione di circa 150 euro come pena minima, infatti La Fapav ha precisato che se si scarica un film per uso però strettamente personale, la sanzione amministrativa applicabile è di 154 euro oltre alla confisca di tutto il materiale scaricato. Per ulteriori chiarimenti sul diritto d’autore legiferato in Italia si può consultare la voce di Wikipedia e i relativi link alle fonti in calce.

 

Una stima di quanto può costarci lo streaming illegale

La nostra cara casalinga di Voghera, dopo aver passato l’ultimo anno tra serie TV e film in streaming, si vede arrivare le Polizia Postale a casa e si vede recapitare una sanzione di circa (poniamo che abbia visto qualcosa 4 sere su sette!) 154x4x52 euro che corrispondo alla modica cifra di 32032 euro da versare all’erario.

 

Dunque si tratta di cifre mica da ridere, anzi di veri e propri salassi. Vale la pena rischiare di incorre in tutto questo?

Decisamente no. No, perché grazie ai servizi legali di streaming possiamo concederci serie TV, film e documentari alla modica cifra di circa 10 euro al mese, cioè circa 120 euro all’anno. Sono finiti i tempi degli esosi conti di Sky TV, grazie a moderni servizi come NetFlix o AmazonVideo, al costo di qualche caffè, possiamo soddisfare tutta la nostra voglia di televisione. E poi, ben lontani dalle richieste di disdetta via fax, con un semplice click online possiamo fermare il servizio oppure riattivarlo.

 

Guardare il film Snowden può aiutare a capire quanto siamo tracciati

Guardare il film Snowden può aiutare a capire quanto siamo tracciati

 

E se invece volessi proprio utilizzare il servizio di streaming illegale?

 

Se invece si è dei filibustieri avventurosi, impavidi di fronte alla legge e alle sanzioni, allora è meglio premunirsi nel miglior modo possibile. In che modo? Lasciando il minor numero di tracce possibile.

Attraverso la rete Tor Project, oppure grazie ai servizi di VPN professionali (tra tutti, consigliamo per costo e velocità AirVPN). Grazie a questi sistemi di mascheramento della propria connessione, sarà possibile continuare a utilizzare i servizi di streaming illegali senza lasciare tracce evidenti del proprio operato.

 

In conclusione, uomo avvisato mezzo salvato. Si, lo fanno tutti. Si, non hanno mai beccato nessuno. Si, perché proprio io devo rinunciarvi. Sono tutte affermazioni lecite, ma è meglio essere a conoscenza di cosa realmente si sta facendo e di quali pericoli si stanno sfidando. La conoscenza e le informazioni sono alla base di tutto, perciò ora siete consapevoli di che cosa state facendo e di che cosa potrebbe comportare.