0

Crisi. Un rasoio con lame più sottili e affilate

La crisi ha iniziato a condizionare il marketing e le metodologie pubblicitarie delle piccole e delle grandi aziende, anche le multinazionali stanno modificando le procedure di vendita e pubblicità in base agli effetti della crisi economica mondiale. Io non ho nulla contro le edizioni speciali dei prodotti e sono a favore del sostenere le proprie squadre nelle competizioni sportive, soprattutto in quelle disputate dalle nazionali. Non ho assolutamente nulla contro la Gillette, anzi spesso uso i loro rasoi e trovo ammirevole la loro qualità costruttiva.

Il rasoio manuale Gillette® Fusion® ProGlide™ Special Edition dell’Italia è dotato di un manico speciale con logo ufficiale della Nazionale Italiana di Calcio, un nuovo modo per dimostrare il sostegno per la propria squadra. Il rasoio manuale Gillette® Fusion® ProGlide™ è la lama più avanzata mai prodotta da Gillette. Le lame più sottili e affilate, con un rivestimento a bassa resistenza, scorrono senza sforzo attraverso i peli riducendo al minimo gli strappi, offrendo un comfort incredibile anche a chi si rade tutti i giorni.

La crisi come marketing non funziona

Rasoio da crisi Gillette

Rasoio da crisi Gillette

Prendo soltanto la palla al balzo da questa Edizione Speciale Italia del rasoio Gillette per fare una riflessione sul marketing e sulle metodologie di conquistare il mercato. Se ancora oggi viene proposto un abbinamento del genere (prodotto + squadra sportiva), sicuramente si tratta di qualcosa che funziona bene. Aggiungiamo il toccare le corde commoventi dell’orgoglio patriottico ed ecco che abbiamo qualcosa di davvero vincente, ancor più alla vigilia di un Mondiale di Calcio.

Fin qui tutto bene e tutti d’accordo. La mia mente però mi ha fatto notare che non stiamo vivendo un momento storico normale, mi ha ricordato che siamo nel bel mezzo di una crisi economica mondiale che forse non ha nemmeno precedenti nella storia. Siamo stati martoriati economicamente a un livello tale che la soglia di povertà ormai comprende più persone di quanto qualunque economista avrebbe mai potuto prevedere. E il creativo, il responsabile del marketing che fa? Fa esattamente lo stesso tipo di aggressione al mercato che ha fatto chi lo ha preceduto in quel ruolo negli ultimi cento anni. E, magari, è pure strapagato per questo.

Nuove metodologie di conquistare il mercato

Se non riescono a osare neppure i creativi del marketing, perché mai dovremmo osare noi persone comuni?

In un momento come questo, per me, avrebbe fatto sensazione un bel Gillette Pro Glide Fusion ..etc.. Special Limited Edition CRISI FINANZIARIA MONDIALE. Ecco che gli spettatori sarebbero sobbalzati dalle loro poltrone, che il fantozziano ragioniere sarebbe scattato dal suo divano in un impeto di interesse per un prodotto e un azienda degni di essere seguiti. Ecco che un rasoio del genere (di qualità), proposto a un prezzo super scontato (almeno la metà, questa crisi è vera, non finta) e con una campagna pubblicitaria realistica (non voglio assomigliare a un pilota di caccia mentre mi faccio la barba), di sicuro, avrebbe avuto successo almeno come quella attuale, ma magari sarebbe costata meno e, probabilmente, avrebbe fatto scalare all’azienda qualche posizione nella scala di valori morali e sociali della persona comune.

Tout va bien.

Luca Ciavatta