4

Scaricare musica e libri

Kickass Torrents (meglio noto come kat.ph) è stato chiuso e i proprietari arrestati, attraverso una operazione congiunta tra il governo statunitense e le autorità di polizia polacche, il più grande sito di file Torrent al mondo è stato reso irraggiungibile e i suoi fondatori sono diventati protagonisti di mandati di arresto con accuse di violazione di copyright e di riciclaggio di denaro. Milioni di utenti sparsi in tutto il mondo si sentono orfani del più rapido e completo sistema per scaricare (il più delle volte illegalmente!) musica, video e libri in ogni lingua possibile. Un vuoto incolmabile a detta di tanti e, a ragione, difficilmente sopperibile in tempi brevi.

Scaricare qualsiasi contenuto immaginabile attraverso i Torrent

Per chi ancora fosse a digiuno di Torrent, spieghiamo brevemente di che cosa si tratta. I Torrent non sono altro che un sistema semplice, veloce e diffuso per lo scambio di contenuti attraverso reti di condivisione di tipo Peer-to-peer. In pratica, una rete P2P è una rete paritaria di nodi dove ogni computer collegato ha gli stessi privilegi degli altri e dove i contenuti vengono resi scaricabili velocemente perché ogni nodo in possesso degli stessi contribuisce a fornirne il download. I Torrent permettono una semplice e agevole indicizzazione di questi contenuti e ne rendono estremamente rapido il download. È sufficiente andare su di una directory Torrent, cercare il file di cui si ha bisogno, scaricare il minuscolo file Torrent e cliccarci sopra per avviare il download dello stesso.

Torrent. Attualmente il sistema di condivisione file più diffuso

Torrent. Attualmente il sistema di condivisione file più diffuso

Tutto ciò ovviamente a patto di avere installato sul proprio computer un programma in grado di gestirne il particolare protocollo di condivisione: tra gli esempi più diffusi troviamo Transmission e uTorrent. In pratica, siamo di fronte a un sistema più evoluto, con contenuti indicizzati e presentati in vere e proprie directory online, più veloce e stabile dell’ormai vetusto eMule. Non a caso, lo stesso eMule è passato a supportare nativamente il formato di condivisione Torrent. Purtroppo nell’immenso mare dei contenuti condivisi attraverso reti Peer-to-peer, la stragrande maggioranza non rispetta le leggi di copyright e presenta problemi legali non indifferenti. Non a caso Kickass Torrents è stato messo down e i suoi gestori indagati per reati penali e arrestati. Come kat.ph, anche tantissime altre directory di file Torrent vengono quasi quotidianamente sospese e buttate giù, rese inutilizzabili.

Il formato di condivisione Torrent non è soltanto un sistema per condividere i contenuti illegali, si tratta sopra ogni ragionevole dubbio di uno dei più moderni ed efficaci sistemi per la condivisione di contenuti e documenti online, in particolare si rivela molto performante con i file di grosse dimensioni che solitamente mettono in crisi i sistemi di download tradizionali e le connessioni di scarsa banda. Torrent viene utilizzato anche dalle multinazionali del software come sistema sicuro di download dei loro prodotti, nonché dal mondo OpenSource per la condivisione dei programmi dal codice libero. L’esempio più eclatante è quello delle distribuzioni Linux: Fedora, Ubuntu e tutte le altre mettono a disposizione il download dei loro sistemi operativi attraverso il sistema di condivisione dei file Torrent. Tutto questo è chiaro indice della bontà del sistema Torrent, troppo spesso associato ai download illegali e a poco altro.

Scoprire le alternative ai download illegali. Tra Torrent, Telegram e Bot

Sono molti gli utenti che, anche solo occasionalmente, utilizzano le piattaforme di file-sharing come Torrent ed eMule per trovare e distribuire ogni tipo di file. I motori di ricerca e le directory di file Torrent rappresentano le risorse principali per procacciarsi il materiale che si cerca e, visto il particolare utilizzo che ne viene fatto, spesso e volentieri totalmente illecito, nascono, cambiano e muoiono a un ritmo che dire vertiginoso e dir poco. Solitamente inoltre sono anche vere e proprie fucine di Malware e sistemi di recupero di informazioni personali senza il consenso dell’utente. Per continuare a utilizzare il protocollo Torrent senza incorrere in queste spiacevoli conseguenze, è sufficiente utilizzare software di ricerca specializzati in Torrent e liberamente disponibili in rete. Questi, una volta installati sul proprio PC, renderanno possibile cercare e scaricare file Torrent in totale sicurezza e, molto spesso, anche in parziale anonimato attraverso l’utilizzo di reti particolari come, a esempio, il sistema Tor-Project.

Torrent Search facilita la ricerca di Torrent sul proprio PC

Torrent Search facilita la ricerca di Torrent sul proprio PC

Torrent Search è sicuramente il sistema software di ricerca Torrent più utilizzato. Tra le sue principali caratteristiche: il motore di ricerca Torrent fulcro del software è sviluppato in Python, quindi facilmente gestibile e modificabile, l’utilizzo di librerie GTK+ per la sua interfaccia grafica lo rende disponibile in maniera nativa sia per Linux che per Windows. Torrent Search cerca i file Torrent su diversi siti web, e permette all’utente di filtrare i risultati, il che rende molto facile trovare il torrente che si desidera. I siti sono integrati con i plugin, che permette di aggiungere nuovi siti web o migliorare i plugin esistenti molto rapidamente. Torrent Search è un software gratuito, rilasciato sotto la licenza GNU/GPL dunque completamente libero e modificabile: possiamo leggerne il codice e ampliarlo secondo le nostre personali esigenze per ottenere risultati ancor più consoni alle nostre ricerche.

Torrent Search serve quindi unicamente a cercare i file Torrent e, successivamente, a scaricarli sul proprio PC, non permette in alcun modo di effettuare il download delle risorse collegate ai file Torrent stessi. Per effettuare il download della risorsa vera e propria collegata al file Torrent scaricato, servirà, come già detto sopra, un client Torrent come Transmission o uTorrent. Infine, chiariamo un concetto che, a volte da’ adito a fraintendimenti: l’utilizzo di programmi come Torrent Search, Transmission o uTorrent non è assolutamente vietato, la responsabilità e la possibile illegalità sono legate a ciò che si scarica e che si condivide. Attenzione perché non tutte le risorse, i programmi, i video, gli audio e i libri che si trovano attraverso questi sistemi sono di tipologia scaricabile legalmente, anzi la maggior parte dei file che si trovano sono solitamente coperti da diritti di copyright.

Nonostante l’introduzione dei Bot sia relativamente recente, questa tecnologia sta vivendo un vero e proprio momento di boom e diffusione. La relativa facilità di utilizzo, l’utilità e il fatto di essere completamente gratuiti e integrabili nelle maggiori piattaforme di chat e messaggistica ne stanno facendo un vero e proprio nuovo fenomeno di massa. Non sto a spiegare ancora perché dovreste usare Telegram al posto di WhatsApp o di qualsiasi altro servizio di messaggistica, dico soltanto che l’evoluzione e la diffusione dei Bot proprio grazie a Telegram sta avendo un tasso di crescita che ha dell’incredibile. Esiste già una vera e propria directory dei servizi di Bot disponibili per Telegram e la lista è in continua evoluzione e ampliamento: tra i tanti, troviamo servizi di pubblica utilità, per il meteo, per il monitoraggio dei prezzi e per gli orari di treni e autobus e per qualunque cosa vi passi per la mente. Come dimenticare il mitico SpacoBot oppure Andy English Bot per imparare l’inglese divertendosi!

Bot che cercano automaticamente per noi musica, video e libri

Bot che cercano automaticamente per noi musica, video e libri

Detto ciò e tornando al tema del post, troviamo anche un Bot la cui funzione è quella di consentire l’ascolto di brani musicali direttamente sul proprio PC o sullo smartphone, in modo istantaneo e gratuito. VK Music Bot è un sistema completamente gratuito per avere sempre a disposizione buona musica, in maniera semplice e immediata è possibile ricercare artisti e brani, ascoltarli direttamente oppure effettuarne il download sul proprio dispositivo. La lista dei comandi messi a disposizione da VK Music Bot è molto vasta e permette di svolgere diverse operazioni tra cui la personalizzazione dei settaggi, l’impostazione della lingua italiana e anche la possibilità di scaricare i testi delle canzoni. Insomma, siamo di fronte a un vero e proprio potente strumento per gli amanti della musica: semplice da utilizzare e, al tempo stesso, molto duttile e dall’archivio musicale estremamente vasto.

Ebookz Bot, GutenbergBot e Bookmate sono invece dei Bot specificatamente dedicati agli amanti dei libri. Leggere e scaricare libri dalle risorse gratuite disponibili online oppure conoscere i titoli del momento e quelli più trendy nella propria zona di appartenenza, niente di più semplice grazie a questi programmi gratuiti disponibili sulla piattaforma di Telegram. Ovviamente sul comparto libri ed ebook, risorse come gli store online che mettono a disposizione libri gratuiti e offerte speciali, gli stessi Torrent e, forse il più utilizzato e rapido, eMule, rimangono quelle che mettono a disposizione più titoli da scaricare in maniera lecita (e meno lecita) per i propri ebook reader. Concludendo, i Bot per Telegram rimangono delle piacevoli alternative ricche di funzionalità e che comunque presentano vasti archivi completamente legali.

Luca Ciavatta