0

Self-publishing a confronto

I migliori servizi per pubblicare il tuo libro anche senza editore

Tra i lettori di SmartMente, tra i collaboratori di SmartMente e, più in generale, tra gli appassionati di libri, alzi la mano chi non ha mai covato la umana ossessione del desiderio di pubblicare un libro?

Bene, come volevasi dimostrare.

Se il desiderio esula dal sogno ricorrente del voler diventare uno scrittore dalla tanta fama e dalla tanta gloria, oppure se non si brama soltanto di diventare una scrittrice milionaria, e se le aspettative sono molto più terrene, allora ci si può rendere conto di essere nell’era dell’oro per il campo delle pubblicazioni letterarie.

Quando uno scrittore si ritiene tale, solitamente lo fa’ a prescindere dall’aver pubblicato o meno, e indistintamente dal fatto di possedere un editore o meno. Uno scrittore è una persona che ha il bisogno, la necessità costante, di scrivere. E lo può fare sotto svariate forme.

E se questo immaginario scrittore decidesse di avere un progetto completo, di compiere l’immane sforzo di produrre una opera letteraria bella e finita?

Questa è l’età dell’oro del pubblicare e quello stesso scrittore non si troverebbe più nell’impasse in cui si trovarono qualche tempo or sono i suoi colleghi. Esattamente. Qualche anno fa, prima della rivoluzione digitale, le strade percorribili erano davvero poche. Inviare il proprio manoscritto a un editore (in verità, a tanti editori) e attendere. Novantanove volte su cento, attendere invano. Un cricca editoriale che pubblica solo chi fa parte del giro, i pochi editori alternativi che, con i pochi mezzi a disposizione, fanno il possibile ma non possono coprire tutte le novità e tante altre piccole facezie che bloccavano sul nascere e in essere i nostri aspiranti scrittori esordienti.

Una rivoluzione ha risvegliato il mondo dell’editoria tradizionale

Effettivamente, la rivoluzione digitale ha scombussolato, e non poco, anche tutti campi che ruotano attorno all’editoria. Libri elettronici e self-publishing hanno portato una ventata di aria fresca (direi più che altro un vero e proprio uragano!) nello stantio campo dell’editoria tradizionale.

Qualcuno si è anche, colpevolmente, accorto tardi di questa rivoluzione in essere e a tutt’oggi sta ancora rincorrendo i concorrenti più lungimiranti sul mercato.

Ecco che, oggi, grazie alle moderne tecnologie informatiche, chiunque è in grado di pubblicare il proprio testo in formato elettronico o cartaceo. Senza mediazioni, senza veti, senza limiti. Certo tutta questa libertà che ha tagliato fuori gli editori tradizionali, ha anche eliminato tutti i filtri di controllo preventivo: così possiamo trovare qualsiasi genere di testo e qualsiasi genere di qualità. Il refuso non è più una rarità o una sbadataggine, e le argomentazioni disponibili, oramai, sono le più disparate.

Partiamo però dal presupposto che il nostro scrittore o la nostra scrittrice abbia scritto e curato davvero un buon prodotto: nessun refuso e un editing di qualità. Il libro è completo e finito, l’opera manca soltanto di pubblicazione, perciò le problematiche da risolvere sono soltanto la pubblicazione e la distribuzione. Come affrontare questi passi?

I tempi son cambiati. Come, quando e perché scegliere il self-publishing

La pubblicazione del proprio libro e la sua successiva distribuzione non sono passi da affrontare alla leggera. Nella moltitudine dei servizi offerti oggi dal mercato dell’editoria moderna, c’è da perdersi letteralmente. Il gatto e la volpe sono sempre all’erta, qualitativamente le offerte sono molteplici e non tutte sono adatte al nostro personalissimo prodotto personale.

In questo mare magnum di opportunità offerte dall’editoria digitale, come orientarsi? Come scegliere i servizi più consoni alle nostre esigenze?

Possiamo discutere ad nauseam delle opportunità offerte, possiamo cercare, studiare e confrontare. E perdere un sacco del tempo a nostra disposizione e che diversamente potremmo dedicare ad altro, magari alla scrittura stessa. Fortunatamente, viene in nostro aiuto Sonia Lombardo della testata Storia Continua, che ha già svolto per noi tutto questo lungo e tedioso lavoro. Grazie al frutto di un lavoro di inchiesta durato quasi un anno, ha visto la luce l’ebook Self-publishing a Confronto di Sonia Lombardo, dove l’autrice prova a dissipare un po’ di quei dubbi che possono affliggere uno scrittore esordiente di fronte alle tante opportunità di pubblicazione offerte dall’editoria digitale.

«Spesso una sorta di diffidenza, di timore d’imbroglio trattiene dal provare questa strada alternativa alla ‘tradizionale’ casa editrice nonostante sia più vantaggiosa in termini economici per un autore, che vede andare oltre il consueto 10% il suo guadagno.»

Come orientarsi, allora, tra gli innumerevoli siti di self-publishing?

Per capirlo, l’autrice Sonia Lombardo si è rivolta direttamente a coloro che questi servizi li offrono, gli editori on-demand, e agli scrittori che ne hanno usufruito riscuotendo un certo successo. È così nato questo interessantissimo compendio che è Self-publishing a Confronto, una illuminante guida per comprendere che, per un autore, pubblicare in self-publishing è una opzione oggi decisamente percorribile, quasi consigliabile, così come pubblicare con un editore non è più una necessità. Si può pubblicare e avere successo (cioè riuscire a vivere di scrittura) anche con il self-publishing e questo manuale lo spiega in maniera molto efficace.