0

La storia dell’acqua in bottiglia di plastica

Annie Leonard ci racconta come l’acqua sia diventata l’oro blu, come le aziende hanno ” lavato il cervello” ai cittadini sul diritto all’acqua pubblica, creando un prodotto che le arricchisce e priva noi di un diritto fondamentale che ci spetta, e che invece molti credono di dover comprare.

Come ci sono riuscite? La storia dell’acqua in bottiglia di plastica, rilasciato il 22 marzo 2010 (Giornata mondiale dell’acqua) utilizza la storia in stile fumetto Stuff per raccontare la storia di come si è arrivati alla domanda fabbricata, di come si è spinto gli americani ad acquistare più di mezzo miliardo di bottiglie di acqua ogni settimana, quando già scorre dal rubinetto.

In cinque minuti, il film esplora l’acqua in bottiglia, gli attacchi delle industrie contro l’acqua del rubinetto e il suo uso di seducente, la pubblicità tema ambientale per coprire le montagne di rifiuti di plastica che produce.

Acqua di plastica

Acqua di plastica

Il film si conclude con un invito a riprendere il rubinetto, non solo da un impegno personale per evitare l’acqua in bottiglia, ma sostenendo gli investimenti per renderla perfettamente pulita e per rendere l’acqua del rubinetto disponibile per tutti.

I partner nella produzione del film sull’acqua in bottiglia sono cinque gruppi di sostenibilità : Corporate Accountability International, Environmental Working Group, Food & Water Watch, Pacific Institute e Polaris Institute.

Luca Ciavatta